Archivio per agosto, 2013

Attesa

Posted in Frammenti, nugae, pensieri with tags , on 8 agosto 2013 by pensierididonna

 foto_farfalle_382

Sono sul balcone di casa e la tregua che il caldo concede, mi permette di farmi compagnia.

Mi sento in attesa… ma di cosa?

Mi guardo indietro e so che aspettare con pazienza è diventata parte di me. Attese lunghe, importanti. Ho aspettato che mio figlio crescesse, che l’azienda per anni superasse la crisi e poi che decidesse se licenziarmi o reintegrarmi … attese troppo lunghe perché non mi risucchiassero in quella sensazione di non_vita_vera, di vita_altra con a corredo la maschera del va tutto bene.    

E adesso? Adesso so che aspettare non è un per_forza. Forse potrei assecondare la mia voglia di respirare il mare sempre, la mia voglia di essere lontana, lontano anche da governanti -e non- buffoni per le cui e sulle cui battute non riesco più a ridere né sorridere.

E improvvisamente so che l’attesa non mi appartiene più, mi suscita fastidio. Ne trovo possibile una sola, quella naso all’insù verso il cielo stellato di un volo di stelle.

 

 

Milena Campagnuolo (10 agosto 2013)

 

 

stelle-cadenti

Dispari

Posted in Frammenti, pensieri with tags on 6 agosto 2013 by pensierididonna

(dal web)

Mi piacciono i numeri.

In qualche modo ci gioco, gioco ad attribuire loro un significato che non hanno. Abitudine di sempre che forse nasce dalle fantasie di bambina a cui i numeri erano simpatici o antipatici: la spigolosità, la difficoltà o la semplicità nell’imparare a scriverli o chissà cosa….

Non amo i numeri dispari, forse perché spaiati, quasi sospesi, in attesa di altro con cui fare il paio.

Quando penso agli anni  di calendario, quelli  dispari li ricordo difficili. Nessun riferimento a dolori, tragedie vere o mezze, strappi o abbandoni. Quelli quando arrivano arrivano e non sono pari o dispari, sono e basta.

Ricordo anni dispari difficili, senza troppe risate, cupi ma soprattutto  faticosi. E mentre sudo i miei anni penso che anche questo anno lo è. Mi piace pensare, tuttavia, che farà di tutto per trasformarsi e offrirsi pari, almeno in quest’ultimo scorcio.

 

 

Milena Campagnuolo (5 agosto 2013)