Un lunedì

 

 

È lunedì, ma non un lunedì qualsiasi. È il lunedì che segue l’ultima domenica di ottobre che porta con sé il ritorno dell’orario solare. Lunedì triste che sottende l’angoscia di tornare a casa da lavoro col buio, è solo il primo di tanti giorni bui, in cui sembra che la vita sia in qualche modo negata. 

C’è silenzio quando esco dall’azienda in cui lavoro solo da pochi mesi. Oltre il tornello ad attendermi condizioni di luce sconosciute. I riflettori accesi lasciano solo indovinare il profilo dell’impianto e dei camini, restituendo un’immagine surreale. All’orizzonte il tramonto rosa cede in fretta pezzi di cielo a lingue di un azzurro sempre più denso. 

Respiro a fondo, l’aria è tiepida. I gelidi morsi di un inverno precoce, che hanno lacerato e sbrindellato solo pochi giorni prima, assumono i contorni rarefatti di un’idea. Le immagini che la mia anima vede mi infondono il calore che sempre invade quando ci si sente in sintonia con tutto il resto, teneramente accolti fra le braccia del mondo che è al di fuori, appena oltre la pelle.

Ed è con questo senso di calore che salgo in auto, pronta a far pace e a convivere col buio che mi sarà compagno lungo il mio percorso. Intuisco dell’altro, il mio presente, inteso come ora, adesso e come dono.

Si, ho ricevuto un regalo, un regalo inaspettato, proprio dal primo lunedì che segue l’ultima domenica di ottobre. 

 Milena Campagnuolo (26 ottobre 2009)   

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: