Una notte di orrore

 

           Ci si augura sempre un buon finesettimana, quella pausa, quel tempo ritagliato, rubato agli affanni, ai doveri. Mai avremmo voluto che ancora una volta si ripetesse quel finesettimana di cui conosciamo l’amaro. Eppure… di nuovo tragedie, ancora vite spezzate.

       

     E le vie del paese si sono affollate….

Ho visto una madre, straziata dal dolore. Non ho visto un padre. Mi piace pensare che ci fosse lui a tendere la mano, nel momento del buio. Un tappeto di giovani teste, a seguire. Amici… compagni di scuola… conoscenti per scambio di battute come solo da giovani si riesce a fare… oppure solo ragazzi che hanno sentito la necessità di esserci pure loro. Raccolgo una frase giovane anche quella… “Comunque ed in ogni caso, che fosse ubriaco, strafatto o sobrio, rimane solo un ragazzo”. Cosa aggiungere, cosa replicare?

         

   Non è un paese, ma la valle intera che si è stretta intorno a quel ragazzo dalla patente di guida che odora ancora di nuovo.

    

     E poi col nuovo giorno la scena si è ripetuta, ritardata solo per una vita durata quel troppo poco in più. E c’è tutto l’orrore della scena già vista che non è solo percezione, ma di nuovo e ancora vita vera, quella che fa male, che lacera, insostenibile.

       

     Cerco, disperata, un senso in un qualcosa che non troverà mai una spiegazione umanamente possibile.

Rimango in muta preghiera, incapace di scuotermi

Che questi ragazzi, e non solo loro, possano imparare, possano non dimenticare mai. Che prudenza e buon senso siano loro compagni e compagni di tutti coloro che incrociano sulla loro strada e sulle stesse strade.

         

     Dopo ore incontro una conoscente che sente il bisogno di condividere i suoi pensieri. “Ho pianto tanto, non volevo ma non riuscivo a smettere. Loro adesso si sono ‘appaciati’, ma io penso a quelle mamme… ”. Parole che dicono tutto e pure di più, che arrivano da chi, ignaro, possiede la ricchezza della semplicità ed il dono della fede.

    

Milena Campagnuolo (19 marzo 2009)

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: